Anna Levi Montalcini

Nato a: Torino (TO) il 7 agosto 1904
Di: Adamo e Adele Montalcini
Morto a: Torino il 2 maggio 2000

La ricerca documentaria, la selezione delle fonti, il racconto della Vita di Anna Levi Montalcini sono stati curati da Dario Taraborrelli, ricercatore incaricato dalla Fondazione 1563 per l’Arte e la Cultura della Compagnia di San Paolo.

Il progetto è aperto al contributo degli utenti: chi fosse in possesso di informazioni, documenti, fotografie utili a raccontare la vita di Anna Levi Montalcini può scrivere a le-case-e-le-cose@fondazione1563.it

6 dicembre 1945

Il fascicolo Egeli intestato ad Anna Levi Montalcini

L’unica sottile traccia dell’attività Egeli riguardo alla famiglia Levi-Montalicini sono due copie di una nota di pagamento relative ad un alloggio intesto ad Anna, la secondogenita di Adamo Levi e Adele Montalcini. Per sfuggire alle persecuzioni razziali dopo l’8 settembre 1943 la famiglia si divide per trovare rifugio a Firenze, in Svizzera e in Argentina. Si ritroveranno a Torino solo nel 1945.

Autore: Dario Taraborrelli

Fonte: Archivio storico della Compagnia di San Paolo, III, Gestioni Egeli, 778

20 novembre 1943

Anna Levi Montalcini, il marito Ulrico Montalcini e i figli Sandro, Franco e Gino si rifugiano in Svizzera

Nel settembre del 1943, la famiglia Levi-Montalcini decide di espatriare in Svizzera spaventata dalle crescenti violenze contro gli ebrei. Anna con il marito e i figli riescono a oltrepassare il confine tra Viggù e Ligornetto grazie all’aiuto del parroco della cittadina. La sorella Rita e il resto della famiglia vengono invece fermati mentre tentano di varcare il confine a Porto Ceresio sul lago di Lugano. In Svizzera Anna, Ulrico e i figli vengono portati nel campo per rifugiati civili a Vaud in attesa che la domanda di asilo venga esaminata. Dal giugno dell’anno successivo si trasferiscono a Chateaux d’Oex, dove rimarranno fino alla fine della guerra.

Autore: Dario Taraborrelli

Fonte: United States Holocaust Memorial Museum, Holocaust Survivors and Victims Database, Jewish Arrivals In Switzerland, 1938-1945, 27858

18 ottobre 1938

Lettera dell'Università di Torino sulla sospensione dal servizio della dott.ssa Levi Rita

Con l’entrata in vigore delle leggi razziali, il personale docente e gli assistenti delle Università italiane riconosciuti come ebrei vengono sospesi secondo il R.D.L. 5.IX.1938, n. 1390, e poi dispensati a decorrere da 14 dicembre 1938, secondo il R.D.L. 15. XI. 1938, n. 1779. Con una lettera del 18 ottobre 1938 Rita Levi-Montalcini viene sospesa dal servizio insieme ad altri 58 tra professori, assistenti e impiegati della Regia Università di Torino.

Autore: Dario Taraborrelli

Fonte: Archivio Storico dell’Università di Torino

Licenza Creative Commons
Salvo diversa indicazione, i contenuti della sezione Le Vite di Le case e le cose sono soggetti alla licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale