Renzo Fubini

Nato a: Milano (MI) il 30 settembre 1904
Di: Riccardo e Bice Colombo
Professione: professore universitario
Arrestato a: Ivrea il 7 febbraio 1944
Deportato a: Auschwitz il 16 maggio 1944 (numero di matricola A-5410)
Morto a: Auschwitz il 14 settembre 1944

La ricerca documentaria, la selezione delle fonti, il racconto della Vita di Renzo Fubini sono stati curati da Victoria Musiolek, ricercatrice incaricata dalla Fondazione 1563 per l’Arte e la Cultura della Compagnia di San Paolo.
Foto Renzo Fubini © CDEC – Centro Documentazione Ebraica Milano. Tutti i diritti riservati

Il progetto è aperto al contributo degli utenti: chi fosse in possesso di informazioni, documenti, fotografie utili a raccontare la vita di Renzo Fubini può scrivere a le-case-e-le-cose@fondazione1563.it

1 marzo 1945

Missiva agli inquilini di via Reggio 1 sulla nuova gestione amministrativa da parte dall’Istituto di San Paolo

“[…] con Decreto del Capo della Provincia di Torino n. 23519/186 in data 3 luglio 1944 i beni siti nel Comune di Torino via Reggio 1 di proprietà di Mario e Renzo Fubini di razza ebraica, sono stati sequestrati”, recita una delle numerose missive del 1° marzo 1945 inviate una ad una dall’Istituto di San Paolo di Torino. Lo stesso stabile oggetto di sequestro non costituiva abitazione permanente dei due fratelli, bensì una fonte di reddito, in quanto veniva affittato agli inquilini di via Reggio 1 che – per mezzo della lettera indirizzata proprio a loro – venivano informati del passaggio della gestione affidata, d’ora in poi all’Istituto. Prima l’amministrazione – come si può leggere nel verbale redatto all’inizio di gennaio 1945 da uno dei periti incaricati di effettuare il sopralluogo – era tenuta dallo stesso proprietario coadiuvato dalla portinaia. Infatti, la signora G.F. era in contatto diretto con gli affittuari (37 al momento della stesura del verbale) e faceva da tramite per la riscossione delle quote mensili.

Autore: Victoria Musiolek

Fonte: Archivio storico della Compagnia di San Paolo, III, Gestioni Egeli, 351

16 maggio 1944

Lista di trasporto degli ebrei italiani: Fossoli-Auschwitz, verso la deportazione

Il 16 maggio 1944, a pochi mesi dall’arresto di Renzo avvenuto a Ivrea, partiva il treno dal campo di concentramento in località Fossoli di Carpi con un notevole carico umano di oltre 581 vite, destinazione: Auschwitz. La sigla RSHA (Ufficio Centrale per la Sicurezza del Reich), con la quale è stato contrassegnato il trasporto, era decisiva nel determinare la sorte di coloro che ne facevano parte, poiché soltanto quei convogli subivano la selezione al gas.
A testimoniare la deportazione uno dei pochi documenti conservatisi, la cosiddetta Transportliste: l’elenco con i partenti battuto a macchina dall’amministrazione del campo in più copie. Accanto alle date e ai luoghi, informazioni anagrafiche essenziali, appaiono tanti nomi (tra loro con il numero 170 quello di Renzo Fubini), la maggior parte dei quali verranno eliminati come conseguenza della “soluzione finale”. Renzo non farà ritorno dal KL Auschwitz. In sua memoria, sotto l’ultimo indirizzo di residenza, in corso Arimondi 11, verrà posta una pietra d’inciampo.

Autore: Victoria Musiolek

Fonte: Fondazione Centro di Documentazione Ebraica Contemporanea, Comitato Ricerche Deportati Ebrei, Elenco dei deportati ebrei, busta 8, fascicolo 61. (© CDEC – Centro Documentazione Ebraica Milano. Tutti i diritti riservati)

17 agosto 1944

Due incarichi per la stessa perizia

Probabilmente per sbaglio, il 17 agosto 1944 viene redatta una lettera con cui l’Istituto di San Paolo, in qualità di delegato dall’Ente di Gestione e Liquidazione Immobiliare, affida al ragioniere O.A. il compito di descrivere i beni presi in sua gestione e appartenenti “ai cittadini di razza ebraica”. Il ragioniere O.A. non adempirà all'incarico, poiché sprovvisto di firme. L’Istituto utilizzerà la copia del documento per designare un nuovo perito in grado di effettuare la descrizione dell’abitato in via Reggio 1: il nome di O.A. sarà coperto da quello del suo successore. A gennaio 1945, dopo essersi recato all’indirizzo indicato, il dipendente del Servizio Tecnico ragioniere A.L. firmerà il suo dettagliato rendiconto, mentre il 15 marzo dello stesso anno O.A. verrà informato del prossimo licenziamento a causa delle costanti e ingiustificate assenze.

Autore: Victoria Musiolek

Fonte: Archivio storico della Compagnia di San Paolo, III, Gestioni Egeli, 351

Bibliografia

Federico Fubini, La via di fuga. Storia di Renzo Fubini, Mondadori, Milano, 2014

Licenza Creative Commons
Salvo diversa indicazione, i contenuti della sezione Le Vite di Le case e le cose sono soggetti alla licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale